Post

Pic-nic a casa 😊

Immagine
"Per il sano lavoratore la casa non è il luogo della routine in un mondo pieno di avventure. Ãˆ l'unico posto selvaggio in un mondo di regole e compiti prestabiliti. La casa è l'unico luogo in cui egli può mettere il tappeto sul tetto e una lavagna come pavimento, se vuole. 
Quando un uomo trascorre ogni notte passando da un bar all'altro o da un concerto all'altro, diciamo che conduce una vita irregolare. Non è vero: vive una vita infinitamente regolare, sotto le scialbe, e spesso oppressive, leggi di quei posti. In qualche caso non gli è neppure permesso di sedersi dentro ai bar e spesso non gli è permesso cantare a un concerto. L'hotel può essere definito come quel luogo in cui sei costretto a vestirti e il teatro può essere definito come quel luogo in cui non puoi fumare. Un uomo può fare un picnic solo a casa sua."

Gilbert Keith Chesterton, Cosa c'è di sbagliato nel mondo
Dal blog L'Uomo Vivo - Società Chestertoniana Italiana


















Una settimana da cristiani: la creazione di ogni giorno

Immagine
"Dunque, qualunque cosa scegliate di fare, non beffatevi del libro della Genesi. 
Sarebbe molto meglio per voi, sarebbe molto meglio per tutti noi, se rimanessimo così legati al libro della Genesi da considerare la settimana come una serie di azioni simboliche, che ci ricordano i passi della Creazione.
Sarebbe molto meglio se ogni lunedì, anziché un lunedì nero, fosse un lunedì luminoso, per celebrare la creazione della luce. 
Sarebbe molto meglio se il martedì, parola che attualmente suona molto scialba, rappresentasse un tripudio di fontane, fiumi e ruscelli scroscianti, perché fu il giorno della divisione delle acque. 
Sarebbe bello se ogni mercoledì fosse l'occasione di appendere in casa rami verdi e fiori, perché queste cose spuntarono nel terzo giorno della creazione; 
o se il giovedì fosse consacrato al sole e alla luna e il venerdì consacrato ai pesci e ai polli, e così via. 
Allora cominceremmo a intuire l'importanza della settimana e quali grandi cose una civiltà dall…

Perché è importante che la Resurrezione sia un fatto reale e non una metafora?

Immagine
Non mi addentrerò nel perché e nel come siano nate certe correnti filosofiche e dove vogliano andare a parare... Mi limito solo a registrare che ci sono e che nascono banalmente dal non riuscire a credere alla Resurrezione di Gesù.
[alché la domanda nasce spontanea: ma chi ti obbliga a credere qualcosa in cui non vuoi credere?]

En passant, ciò che mi lascia un tantino perplessa è che certi intellettuali (pur capaci di complicate disquisizioni) intenderebbero con questo difendere il cristianesimo e/o perfino il cattolicesimo, non rendendosi conto che se Gesù di Nazareth è morto ed è rimasto tale nel Sepolcro... non è che abbia 'sti grandi titoli per essere superiore ad altri filosofi.
Intendo dire: come farebbe a garantirmi che ha detto "verità superiori" ad altri se, come qualsiasi filosofo, ha solo ragionato di testa sua senza conoscere direttamente le realtà divine e i "segreti dell'universo" (conosciuti in quanto Figlio-Dio incarnato) ?

Un'altra implic…

Rubrica/ Vitamine cristiane (4). Strade conosciute...

«Il cristianesimo è stato dichiarato morto infinite volte. Ma, alla fine, è sempre risorto, perché è fondato sulla fede in un Dio che conosce bene la strada per uscire dal sepolcro». 

G. K. Chesterton



La difficoltà nello spiegare "perchè sono cattolico" consiste nel fatto che vi sono diecimila ragioni, tutte riconducibili ad un'unica ragione: che il cattolicesimo è vero.

G. K. Chesterton

Rubrica/ Vitamine cristiane (3). Nutrimenti del cuore

"Non sono i valori che riempiono il cuore di un uomo.
Solo una Persona, non umana ma divina qual è quella di Gesù Cristo, può riempire il cuore dell’uomo perché solo Lui con la sua Persona può entrarvi direttamente. È una prerogativa Sua."

"Solo Lui infatti può abitare personalmente nel nostro cuore.
Gli altri sono presenti nel nostro cuore in senso morale, a motivo del pensiero e dell’affetto.
Ma la loro persona è sempre altrove.
Mentre è prerogativa esclusiva di Dio e di Cristo che è Dio fatto uomo, essere presente con la propria essenza dentro il cuore dell’uomo.
San Tommaso d’Aquino dice che solus Deus illabitur animae, e cioè che solo Dio può entrare nell'anima (Somma teologica, III, 64, 1).
E vi entra creando la grazia santificante, infondendola nell’anima e rendendola pertanto capace di possedere Dio come in un Tempio."
Padre Angelo Bellon OP Citazioni da risposte date ad utenti di Amici Domenicani:

https://www.amicidomenicani.it/leggi_sacerdote.php?id=5216

http://…

Rubrica/ Vitamine cristiane (2). Egli poteva, sceso dal Cielo in terra, risuscitarli tutti con uno sguardo

"Se io guardo questa Roma così com'è, sento il mio Ideale lontano come sono lontani i tempi nei quali i grandi santi e i grandi martiri illuminavano attorno a loro con l'eterna Luce persino le mura di questi monumenti che ancora s'ergono a testimoniare l'amore che univa i primi cristiani. 
Con uno stridente contrasto il mondo con le sue sozzure e vanità ora la domina nelle strade e più nei nascondigli delle case dov'è l'ira con ogni peccato e agitazione.
E lo direi utopia il mio Ideale se non pensassi a Lui che pure vide un mondo come questo, che Lo circondava, ed al colmo della sua vita parve travolto da ciò, vinto dal male.
Anch'Egli guardava a tutta questa folla che amava come Se stesso, Egli che Se l'era creata ed avrebbe voluto gettare i legami che la dovevano riunire a Lui, come figli a Padre, ed unire fratello a fratello.
Era sceso per ricomporre la famiglia: a far di tutti uno. 
Ed invece, nonostante le sue parole di Fuoco e di Verità che br…

Rubrica/ Vitamine cristiane (1). Una Presenza eccezionale

"Immaginiamoci allora l’umanità…
Lo pensavo quando ho visto a Milano i trecento esponenti di trecento religioni convocati dal Cardinale di Milano per affermare il valore dell’unità tra gli uomini e della pace nel mondo: trecento, tante teste, tanti pareri, tanti modi di pensare a questo mistero da cui evidentemente tutto nasce, perché noi non abbiamo fatto niente, non ci siamo fatti neanche noi, non ci facciamo noi neanche adesso.

In questo groviglio di tentativi per immaginarsi l’origine e il senso della propria vita, in questa confusione immane, dobbiamo dirlo - ai ragazzi dico spesso che il mondo umano è come una grande piazza dove tutti si arrabattano a cercare di costruire delle specie di scale per andare su, su, a vedere cosa c’è al fondo delle cose o all’origine delle cose -, immaginiamo che, improvvisamente, avvenisse una cosa straordinaria...
(...)
un uomo, un uomo che era stato piccolo, che aveva giocato da piccolo, che ha succhiato il latte di sua madre, che aveva comp…

Exultet 2

Immagine
Notte tra sabato 31 marzo e domenica 1 aprile 2018



[qui di seguito alcune parti della nostra solenne liturgia, alcuni canti da ascoltare su youtube e i miei auguri ai lettori]

Lumen Christi
Deo gratias

Lumen Christi
Deo gratias

Lumen Christi
Deo gratias





«Esulti il coro degli angeli,
esulti l'assemblea celeste:
un inno di gloria
saluti il trionfo del Signore risorto.

Gioisca la terra
inondata da così grande splendore;
la luce del Re eterno
ha vinto le tenebre del mondo.

Gioisca la madre Chiesa, splendente della gloria del suo Signore,
e questo tempio tutto risuoni
per le acclamazioni del popolo in festa.

E voi, fratelli carissimi,
qui radunati nella solare chiarezza di questa nuova luce,
invocate con me
la misericordia di Dio onnipotente.

Egli che mi ha chiamato, senza alcun merito,
nel numero dei suoi ministri,
irradi il suo mirabile fulgore,
perché sia piena e perfetta la lode di questo cero.

Il Signore sia con voi.
R. E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.
R. Sono rivolti al Sig…

Exultet

Immagine
Notte tra sabato 31 marzo e domenica 1 aprile 2018


[qui di seguito alcune parti della nostra solenne liturgia]


Lumen Christi
Deo gratias

Lumen Christi
Deo gratias

Lumen Christi
Deo gratias





«Esulti il coro degli angeli,
esulti l'assemblea celeste:
un inno di gloria
saluti il trionfo del Signore risorto.

Gioisca la terra
inondata da così grande splendore;
la luce del Re eterno
ha vinto le tenebre del mondo.

Gioisca la madre Chiesa, splendente della gloria del suo Signore,
e questo tempio tutto risuoni
per le acclamazioni del popolo in festa.

E voi, fratelli carissimi,
qui radunati nella solare chiarezza di questa nuova luce,
invocate con me
la misericordia di Dio onnipotente.

Egli che mi ha chiamato, senza alcun merito,
nel numero dei suoi ministri,
irradi il suo mirabile fulgore,
perché sia piena e perfetta la lode di questo cero.

Il Signore sia con voi.
R. E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.
R. Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.
R. È cosa buona e g…

"Perché stanotte mi battezzo". Testimonianze quasi in diretta di coloro che tra poche ore diventeranno cristiani a tutti gli effetti

Ecco alcune testimonianze di giovani e adulti che stanno per ricevere il Battesimo in questa notte di Pasqua 2018.
Grazie a don Andrea Lonardo che ogni anno raccoglie e ci riporta i loro racconti, in questo caso siamo nella diocesi di Roma:
http://www.gliscritti.it/blog/entry/4453

Sarebbe una bella idea se ogni diocesi facesse come don Lonardo... Anche dalle mie parti ci sono storie molto belle, non pubblicizzate (e devo dire che, d'altra parte, mi piace questa discrezione che c'è intorno a loro per non "stressarli". Lo stesso don Andrea non pubblica i nomi completi per evitare troppi clamori e disturbi intorno a queste persone, già abbastanza impegnate nelle loro meditazioni interiori. Dopo che avranno percorso un po' di strada con noi, e se sentiranno di avere una certa vocazione alla predicazione più "esplicita" del Vangelo, sarà eventualmente una loro decisione mettersi più in luce).

Benvenuti nel popolo cristiano, benvenuti a casa 💒💒💒

Le informazi…

Il pazzo

Dal blog di Berlicche che secondo me ha composto una delle migliori meditazioni della rete sul Venerdì Santo. Per i tempi di internet possiamo già parlare di testo "antico". Correva l'anno 2010.
Il suo autore lo trovate QUI con molti altri talentuosi testi.

~~~~~~~~~~~~~~~
Il pazzo
Nel tempestoso pomeriggio di una primavera di quasi 2000 anni fa moriva, appeso ad una croce, un uomo che diceva di essere un Dio.
C’è chi dice che sia facile morire sapendo di essere un Dio, che il terzo giorno risorgerai.
Io non sono d’accordo.
Sono molto più d’accordo con Peguy, che dice che

I ladroni non urlavano che un urlo umano (…)
perché non conoscevano che una desolazione umana.

Se decidi di morire, se consapevolmente decidi di andare dove ti uccideranno, lo puoi fare per varie ragioni.
Puoi essere disperato, totalmente disperato, tanto disperato da suicidarti. Ma non è il caso di Gesù, che supplicava che gli fosse risparmiata la croce.
O puoi essere completamente masochista. Godere della…

Getsemani

Immagine

Se Gesù non fosse Figlio, Dio non sarebbe Amore

Registrazione live di don Andrea Lonardo.
Oggi la riflessione su questo fatto è come... oscurata.
Com'è Dio? Cos'è Dio? ... Se non fosse Trinità, se non ci fosse stato Colui che noi chiamiamo Figlio, potremmo affermare ben poco su Dio.
Si tratterebbe di parole contro altre parole, di teorie contro altre teorie.

Ancora più semplicemente: se Gesù di Nazareth non avesse nulla a che fare con Dio, se la natura di quest'uomo ebreo non fosse diversa da quella di qualsiasi altro uomo (e donna), se la Sua natura non fosse esattamente quella descritta dai cristiani, non ci sarebbe nessuna ragione valida su cui fondare l'affermazione che Dio è Amore.
Per chi crede e per chi sta facendo ricerche questa è una domanda su cui soffermarsi a lungo.
Non è possibile affermare seriamente i valori cristiani se non siamo profondamente convinti di Chi sia Cristo, o se pensiamo che fosse solo un "buon rabbi" di 2000 anni fa, durante il giudaismo del Secondo Tempio.

Come dice don And…

Domenica delle Palme e Settimana Santa. Il racconto dei vangeli.

Immagine
Riporto i passi evangelici che parlano dell'ingresso messianico di Gesù a Gerusalemme, e della Sua Passione.
Siamo all'incirca nell'Anno Domini 30. In base ai documenti storici ci troviamo sicuramente sotto l'Imperatore Tiberio e durante l'amministrazione locale di Pilato in Giudea (dal 26 al 36), anche se a quel tempo il conteggio non si faceva così.
Ah ok, allora quale data esatta era secondo quei tempi?
Eh, molto arduo rispondere, sia in base al calendario ebraico sia in base a quello giuliano (cioè romano).
Comunque gli astronomi ci danno una mano... O almeno ci provano
http://www.coelum.com/articoli/nascita-e-morte-di-cristo-un-mistero-che-neanche-lastronomia-puo-risolvere

Torniamo ai vangeli.
L'ideale è leggere e meditare su supporto cartaceo, unitamente ad altri passi dell'Antico Testamento: Torah (Pentateuco), Profeti e Salmi - secondo lo schema della Liturgia oppure liberamente.

Ma può accadere di essere fuori casa o in viaggio e di avere la necessit…